ETIOPIA - Il Centro San Giuseppe di Addis Abeba

Nome del Progetto:
Centro San Giuseppe

Anno di inizio:
2004

Contesto:
Da sempre crocevia di migrazioni e rotte commerciali, l’Etiopia è lo stato più antico dell’Africa e anche uno dei più affascinanti e ricco di tradizioni millenarie. Tuttavia oggi è uno degli stati più poveri del pianeta e l’economia versa in uno stato complessivo di arretratezza. Questa nazione avrebbe potuto svilupparsi velocemente, ma le guerre civili degli anni 80-90, le carestie e i continui scontri con l’Eritrea e la Somalia hanno assorbito tutte le risorse, mettendo in ginocchio la popolazione. Gli abitanti delle zone rurali, spinti da condizioni estreme, sono costretti a migrare verso le città alla ricerca di una vita migliore. Ad accoglierli nella realtà urbana molto spesso trovano però gli slum: sconfi nati quartieri di baracche in lamiera e di fogne a cielo aperto, dove il fango e la miseria inghiottiscono il loro futuro e la loro dignità di uomini.
La capitale Addis Abeba, cuore politico e commerciale del paese, racchiude in sé le contraddizioni che caratterizzano le megalopoli africane. Da un lato è in atto negli ultimi anni un rapido sviluppo incrementato da ingenti investimenti (soprattutto stranieri), dall’altro però la maggioranza degli abitanti vive ancora negli slum o sui marciapiedi della capitale.

Descrizione del progetto
Il Centro San Giuseppe, fondato nel 2003 da Almea Bordino, una donna italo-etiope, e da fra Tommaso, un frate cappuccino, nasce come mensa per i poveri, in grado di distribuire circa 350 pasti al giorno. Dal 2004 è iniziata la collaborazione con La Goccia, nel giro di pochi anni i pasti triplicano fino a raggiungere quota 1200.
Successivamente la mensa di Addis Abeba diventa un vero e proprio "centro polifunzionale", con l'aggiunta di altri servizi di prima necessità: un dormitorio che accoglie 150 persone (soprattutto per i bambini con le loro mamme e per gli anziani), un lavatoio, un servizio docce calde e un servizio medico di primo soccorso. Inoltre vengono finanziati i sostegni scolastici per 350 bambini, le cui famiglie non possono permettersi i costi per la loro istruzione.
Il Centro ha creato un data base con i dati delle persone che chiedono di entrare nel programma di sostegno. In questo modo è stato possibile censire migliaia di bisognosi ed assisterli con aiuti mirati. Inoltre, con lo scopo di raggiungere il numero più elevato di persone e di sfruttare al massimo le potenzialità del Centro, si è deciso di garantire ad ogni persona un solo pasto a settimana e una sola doccia calda ogni 15 giorni, mentre il centro medico e il lavatoio sono servizi sempre disponibili. Tale “regola”, seppur stabilita a malincuore, è stata pensata anche come strumento per incentivare le persone a darsi da fare per uscire dalle condizioni di miseria, senza contare esclusivamente sull’assistenzialismo.
Attualmente oltre 8.820 persone all'anno ricevono aiuto dal Centro San Giuseppe e questo numero è destinato a crescere.

Guarda il video del progetto:

Fondi inviati:

Obiettivo del 2016
Raccogliere 110.000 euro per continuare a garantire tutte le attività del centro.

Approfondimenti
Volantino Pasqua 2006
Volantino Natale 2006
Volantino Pasqua 2009
Volantino Natale 2011
Volantino Natale 2013

Per contribuire al progetto:    
Vai alla pagina

 
   
 
La Goccia ONLUS – Via Risorgimento 13, 20030, Senago (Milano) – Codice Fiscale 11216730157 – Tel/Fax 02/99.05.23.25 – Email lagoccia@la-goccia.it